Home   Site Map    
User
Password

Immagini, video e audio contenuti nella presente pubblicazione sono degradati a norma del comma 1 bis dell’art. 70 lg. 633/1341 introdotta dal D.L. approvato il 21/12/2007, in attesa del decreto attuativo.

La redazione è a disposizione dei titolari di eventuali diritti d'autore per discutere i riconoscimenti del caso.

 

 


 

«Archivio Multimediale degli Attori Italiani», Firenze, Firenze  University Press, 2012.
eISBN: 978-88-6655-234-5
© Firenze University Press 2012

Attore > teatro
NomeTristano
CognomeMartinelli
Data/luogo nascita07 aprile 1557 Marcaria (Mantova)
Data/luogo morte01 marzo 1630 Mantova
Nome/i d'arteArlecchino
Altri nomi
  
AutoreSiro Ferrone (data inserimento: 29/07/2009)
Tristano Martinelli
 

Sintesi | Biografia| Famiglia| Testo completo

 

Interpretazioni/Stile

Legato al personaggio di Arlecchino da lui creato, lo stile attoriale di Martinelli fu senz’altro debitore della tradizione degli Zanni del primo Cinquecento per quanto riguarda l’uso disinvolto delle posture sceniche che venne da lui interpretato, soprattutto in gioventù, con una forte sottolineatura acrobatica. Non dimenticò mai, e ne fece anzi un’arte efficacissima e di successo, il versante ‘terrestre’ di quella tradizione praticando un repertorio di situazioni triviali e corporee che si richiamano alla convenzione dei buffoni cortigiani. Come risulta dall’iconografia a lui relativa le due componenti stilistiche si alternano in un richiamo ora alla leggerezza poetica e ora alla bestialità istintiva. Grazie ai documenti del suo linguaggio conservati nell’epistolario o indirettamente ricostruibili attraverso le  tracce da Martinelli lasciate nelle commedie di Giovan Battista Andreini, alla tecnica gestuale egli accompagnò una miscela di soluzioni linguistiche che inclinano verso il delirio del non sense e la dispersione dei significati. L’esplicita parodia dei discorsi accademici, cortigiani e letterari di cui amava produrre il rovesciamento, non gli impedì di raccogliere, con tecnica più romanza che rinascimentale, il consenso dei principi presso i quali spesso si esibì in recite solitarie a imitazione dei buffoni medievali. La sua funzione di leader indiscusso del panorama comico professionale tra 1580 e 1630 gli consentì di dettare molte regole nella gestione delle formazioni comiche del tempo, collaborando spesso con figure altrettanto influenti come gli attori drammaturghi Pier Maria Cecchini e Giovan Battista Andreini, negoziando la sua parte in commedia con artisti quali Isabella Andreini e Francesco Andreini. Tutti costoro lasciarono che Martinelli ricavasse in ogni ciclo di rappresentazioni uno spazio speciale, ora come solista e ora come personaggio fortemente caratterizzato.

Fondamentale nella definizione del suo stile recitativo l’assunzione e costruzione della maschera e del costume di Arlecchino. Il personaggio è una creazione dovuta all’ingegno drammaturgico di Martinellie realizzata come risposta a quanto a lui richiesto dal mercato teatrale del nord a cui l’attore mantovano guarda al momento di intraprendere i suoi viaggi teatrali. Per rispondere a quella domanda l’attore si ingegna a modellare un personaggio che, tenendo conto delle sue caratteristiche recitative, possa raccogliere il consenso di un pubblico tanto lontano. Quando tornerà in Italia il prodotto di quel ‘negoziato’ sarà a sua volta adattato alle aspettative degli spettatori nostrani. In questo senso la sua interpretazione del mansionario degli zanni del primo Cinquecento alla luce delle aspettative delle due realtà culturali a lui contemporanee (quella padana e quella d’oltralpe) è un’operazione di meticciato linguistico e artistico di grande modernità. Il ricorso a un idioma che mescola lessico e fonemi di origine francese e italiana, lombarda e veneta, latina e toscana, è la trascrizione linguistica di un costume di scena  (attillato e variopinto di colori) che rimanda da una parte alla tradizione giullaresca e dall’altra ad un’immagine diabolica ingentilita.

La confusione di tratti realistici bassi e volgari con slanci che oggi potremmo definire surreali, deriva infatti da una cultura folklorica che ha radici tanto nel territorio mantovano quanto in quello del nord dell’Europa. Al centro sta un’ambigua sintesi di attrazione e paura per il regno dei morti. Arlecchino, che nelle leggende medievali viene evocato come condottiero di una processione di fantasmi nelle notti d’inverno, è per metà umano e per metà diabolico. Può sfidare i diavoli essendo lui stesso capace di diavolerie, il suo corpo è dotato di poteri metamorfici al pari degli spiriti folletti, la sua maschera è un segno di morte e il suo abito un segno di vitalità. L’Arlecchino di Martinelli è capace di andare all’inferno e tornare indenne sulla terra ma anche di favorire la fertilità e la procreazione, Metà uomo e metà diavolo possiede una ridondanza corporea che non avranno gli attori interpreti della stessa maschera nei secoli seguenti. Pur essendo, per queste ragioni, uno degli ultimi testimoni delle radici medievali del repertorio comico, letterario e teatrale derlla Commedia dell’Arte delle origini, s’impone anche come prototipo di un mito scenico destinato ad attraversare i secoli fino ad oggi.

 
Firenze University Press
+39 0552743051 - fax +39 0552743058
Borgo Albizi, 28 - 50122 Firenze

web:  http://www.fupress.com
email:info@fupress.com
Progettazione tecnica a cura di